giovedì 21 marzo 2013

Giorgio Dritti ci coinvolge in una appassionante ricerca della gioia di vivere nel film "Un giorno devi andare"





Augusta (Jasmine Trinca) è una giovane donna italiana di trent'anni che, in seguito ad alcune vicende personali molto dolorose, perde tutte le certezze su cui aveva costruito la sua esisitenza. Decide quindi di intraprendere un viaggio in Amazzonia e cercare di ritrovare così la sua gioia di vivere. Nella prima parte del suo viaggio decide di affiancare suor Franca, amica della madre, nel lavoro presso le comunità indigene dell'alto rio Andirà, scoprendo anche in questa terra remota i tentativi di conquista del mondo occidentale. Ma ben presto abbandonerà queste comunità per affrontare un'altra esperienza che possa dare risposte alle sue domande sul senso della vita. A bordo di una piccola imbarcazione si perde nell'immensa natura amazzonica attraverso i villaggi indios e alle favelas di Manaus. L'incontro con la gente semplice del luogo riesce a farle percepire di nuovo la forza dell'istinto di vita. Sarà durante un periodo di isolamento nella foresta che Augusta accoglierò il dolore e riscoprirà l’amore, nel corpo e nell’anima, cercando una riconciliazione con se stessa, con il mondo e con Dio.

Nessun commento:

Posta un commento