lunedì 25 febbraio 2013

The Body Shop:11 Marzo divieto della UE contro test sugli animali




La UE decreta il divieto di effettuare qualunque tipo di test sugli animali per fini cosmetici, per sempre

Dopo 20 anni di attivismo, i pionieri di questa campagna, The Body Shop e Cruelty Free International, manifestano la loro soddisfazione

Dopo 20 anni di campagne, l’azienda cosmetica etica The Body Shop e l’organizzazione non-profit Cruelty Free International possono finalmente celebrare la fine di tutti i test sugli animali per fini cosmetici in Europa in seguito al rilascio dell’atteso comunicato che annuncia il divieto di importare e vendere prodotti ed ingredienti cosmetici testati sugli animali nella UE a partire dall’11 Marzo 2013.

Questa vittoria significa che a partire dall’11 Marzo, chiunque desideri vendere nuovi prodotti ed ingredienti cosmetici nell’Unione Europea non dovrà averli testati sugli animali, in qualunque parte del mondo. Il divieto riguarda tutti i cosmetici, compresi i prodotti per l’igiene e la cura del corpo e quelli di bellezza, dal sapone al dentifricio. The Body Shop è uno dei pochi marchi che non avrà alcuna ripercussione a causa di questo divieto, essendo da sempre Contro i Test sugli Animali.

The Body Shop e Cruelty Free International proporranno una serie di speciali attività commemorative da oggi fino all’11 Marzo, incoraggiate dalla conferma pervenuta dal Commissario Tonio Borg che il divieto sarà effettivamente promulgato come era stato proposto. Il Signor Borg, in una recente lettera rivolta agli attivisti contro i test sugli animali, ha scritto “Credo che il divieto entrerà in vigore a Marzo 2013, poiché il Parlamento ed il Consiglio hanno già preso una decisione. Non prevedo pertanto di proporre un rinvio o una deroga al divieto.”
Il divieto proposto trasmette un forte messaggio a tutto il mondo a sostegno della bellezza cruelty free, in particolare a paesi come la Cina, che richiedono ancora che vengano effettuati test sugli animali per i cosmetici, invitandoli implicitamente a rispondere vietando a loro volta i test sugli animali.

L’Amministratore Delegato di Cruelty Free International, Michelle Thew, ha affermato: “Questo è davvero un evento storico e l’apice di più di 20 anni di campagne. Ora sposteremo la nostra determinazione e la nostra visione verso un panorama globale, per assicurarci che il resto del mondo segua questo stesso percorso.”

Paul McGreevy, Direttore del Reparto Valori Internazionale di The Body Shop, ha rivolto un pensiero ai clienti che hanno sostenuto per tantissimi anni le campagne contro i test cosmetici sugli animali realizzate dall’azienda. Ha detto: “Questo straordinario risultato in Europa è solo il primo capitolo. Il futuro del mondo della bellezza deve essere cruelty free.”

Nel 1991 la BUAV (fondatrice di Cruelty Free International) ha dato vita ad una coalizione delle principali organizzazioni per la protezione degli animali in Europa (ECEAE) con l’obiettivo di porre fine all’uso dei test sugli animali per i cosmetici. Questo ha avviato una campagna di alto profilo pubblico e politico in tutta Europa che si è protratta per più di 20 anni. Nel 1993 The Body Shop, la prima azienda cosmetica ad impegnarsi attivamente contro i test sugli animali per fini cosmetici, ha sostenuto la campagna ottenendo il supporto dei suoi clienti in tutta Europa. Tre anni più tardi, nel 1996, Dame Anita Roddick, fondatrice di The Body Shop, si è unita ai membri della ECEAE ed ai MEP (Membri del Parlamento Europeo) per presentare alla Commissione Europea una petizione contenente 4 milioni di firme.

Nel 2012 la BUAV ha fondato Cruelty Free International, la prima organizzazione globale dedicata alla lotta per porre fine ai test cosmetici sugli animali in tutto il mondo. The Body Shop insieme a Cruelty Free International ha lanciato una nuova campagna internazionale attraverso la quale ha chiesto ai clienti di 55 paesi di firmare una petizione globale per la messa al bando dei test cosmetici sugli animali per sempre.




L’entrata in vigore del divieto Europeo sull’importazione e la vendita di prodotti testati sugli animali è stato pianificato dal 2009, tuttavia molte aziende cosmetiche si aspettavano che il divieto sarebbe stato posticipato o derogato. Il nuovo Commissario UE per la Salute e la tutela dei Consumatori, Tonio Borg, ha confermato in una recente lettera che il divieto sarà approvato come programmato.

“Credo che il divieto entrerà in vigore a Marzo 2013, poichè il Parlamento ed il Consiglio hanno già deciso.  Non prevedo pertanto di proporre un rinvio o una deroga al divieto. Questa decisione significa tra l’altro che è necessario rivolgere i nostri sforzi verso lo sviluppo, la convalida e l’accettazione di metodi alternativi, così come verso il riconoscimento internazionale di tali metodi. So che la ECEAE è stato un partner prezioso e preparato in merito a tali temi e conto sul vostro supporto in futuro.”
L’Amministratore Delegato di Cruelty Free International, Michelle, Thew, incontrerà il Commissario Tonio Borg Mercoledì 30 Gennaio quale rappresentante della Coalizione Europea per la cessazione dei Test sugli Animali (ECEAE) per discutere l’introduzione del divieto.


Il divieto dei test sugli animali nella UE: un lungo, lento percorso verso la vittoria

1898 – Viene fondata l’Unione Britannica per l’Abolizione della Vivisezione (BUAV) con l’obiettivo di realizzare campagne contro ogni forma di sperimentazione sugli animali.

1973 – La BUAV porta per la prima volta all’attenzione del pubblico il problema dei test cosmetici sugli animali.

1990 – La BUAV fonda la Coalizione Europea per la Cessazione dei Test Cosmetici sugli Animali (ora Coalizione Europea per la Cessazione degli Esperimenti sugli Animali, ECEAE) alleanza delle principali organizzazioni animaliste Europee formatasi con lo scopo di porre fine ai test sugli animali per i cosmetici nella UE.

1991 – La BUAV e la ECEAE organizzano una marcia ed un raduno internazionali a Bruxelles ed un tour che tocca i diversi paesi europei per chiedere ai MEP di votare per far cessare i test sugli animali per i cosmetici.

1993 – The Body Shop lancia una campagna in tutta Europa per porre fine ai test sugli animali per i cosmetici nella UE.

1996 - Anita Roddick, fondatrice di The Body Shop, si unisce ai membri della ECEAE, i MEP e Chrissie Hynde, presentando alla Commissione Europea una petizione contenente 4 milioni di firme per chiedere la cessazione dei test cosmetici sugli animali.

2004 – Entra in vigore in Europa il divieto di testare i prodotti finiti (ma non gli ingredienti) sugli animali.

2009 – Testare ingredienti cosmetici sugli animali diviene illegale in tutti i paesi della UE, così come la vendita e l’importazione nella UE di ingredienti testati sugli animali per essere utilizzati nei cosmetici. Tuttavia sono stati autorizzati tre test sugli animali, per permettere la convalida di test alternativi.

2011 - La BUAV ed i suoi partner Europei lanciano la campagna No Cruel Cosmetics per chiedere l’entrata in vigore del divieto di importazione così come previsto, senza ritardi o deroghe.  

2012 – The Body Shop sostiene il lancio di Cruelty Free International da parte della BUAV. Insieme attuano una campagna per chiedere il divieto globale dei test cosmetici sugli animali.

11th Marzo 2013 – Entra in vigore un divieto completo dei test sugli animali per i cosmetici nella UE.


Per ulteriori informazioni, interviste, immagini e citazioni, vi invitiamo a contattare l’ufficio stampa di Cruelty Free International: media@crueltyfreeinternational.org  
Tel: +44 (0) 7850 510 955/
+44 (0) 207 619 6978 



The Body Shop Italia
Via Cavour 310, 00184
Roma
Tel: 0690085283 int 216
Website: www.the-body-shop.it
Facebook: http://www.facebook.com/profile.php?id=100000114999026&ref=tn_tnmn#!/pages/The-Body-Shop-Italia/122538081385





Nessun commento:

Posta un commento